Translate

22 febbraio 2012

Ma Google che ne pensa?

Ma te la immagini una giornata senza Google?

Non parlo di quando sei in vacanza, con le piante dei piedi a bruciarsi sulla sabbia, ma di una giornata qualsiasi, in ufficio o a casa...
Metti che:
tua figlia ti chiede di che colore è la pioggia (ok, lo so, nella mia città è grigia, però mica sarà per tutti così!)
ti viene immediatamente la curiosità di sapere dove si trovano Turks and Caicos (e pure come si scrive)... o
chi è che era nato oggi?
Il numero di telefono di quel negozietto di scarpe che ho trovato qualche settimana fa in centro
Come diavolo si chiamava quel collirio?
Quanto costa un lampadario in plexiglass?

Ebbene, LUI lo sa!

Pian piano mi sono trasformata in una googledipendente, non nel senso che sono stipendiata... ma nel senso che non riesco a farne a meno... anche durante i Week end... almeno due, tre volte al giorno!

Il problema si è creato quando... mi sono resa conto che non aveva tutte le risposte!
No! Perché se cominci a pensare alla tua classe delle elementari, e poi ti viene in mente il ragazzino quello bravo, del primo banco... Ti ricordi che veniva a prenderlo sempre la nonna? Oddio... e come si chiamava la nonna? Chiediamolo a Google... no, non lo sa. Come si chiamava la nonna? E a chi lo chiedo? Ma che ti importa? Assolutamente niente... ma lui non lo sa... ho dovuto elaborare il lutto, per questo!

Poi me ne sono fatta una ragione... so che tanto non potrò mai più sapere come si chiamava quella nonna (cosa che comunque mi fa vivere benissimo la mia vita, senza sentire alcuna mancanza), a meno che di andare su Facebook, cercare il nome del ragazzino del primo banco e chiedergli l'amicizia, sperare che lui si ricordi di me e poi chiedergli della nonna... A parte che mi prenderebbe per pazza... ma mi pare che non ne valga la pena.
Ho fatto pace con google, e il sapere che non ha tutte le risposte mi fa sentire un po' meno imperfetta!

Vorrei però aggiungere una cosa...
"Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta" diceva Socrate... ma che pensava a Google?

Nessun commento:

Posta un commento